MOSOQ RUNA

Ultime Notizie

A giugno, durante il mio soggiorno in Italia, ho partecipato ad una assemblea dell’Associazione di Volontariato “Urubamba ONLUS” nella quale è stata presa la decisione di chiudere l’associazione in quanto non ci sono risorse sufficienti né dal punto di vista económico, né da quello umano per poter continuare. Sappiamo tutti che il ritmo di vita diventa sempre piú frenético, gli impegni famigliari aumentano perché ci sono figli e nipoti da aiutare e aumentano anche le difficoltá economiche per molte persone. Diventa piú difficile dedicare tempo e risorse economiche per aiutare progetti di sostegno in altri paesi. Da parte mia posso solo esprimere tutta la mia gratitudine a tutti i soci di “Urubamba” e in particolare ai membri del consiglio direttivo che, accettando di farsi carico dell’associazione quando Anna Maria ed il consiglio direttivo precedente si erano trovati nella stessa situazione, hanno permesso che l’associazione sopravvivesse fino a d oggi e noi insieme a lei. Un grazie particolare a Renza che, con la sua funzione di segretaria, ha assunto il fardello della gestione amministrativa, legale e burocratica dell’associazione, impegno tutt’altro che facile! Non posso dimenticare, peró, che se “Urubamba” e “Mosoq Runa” hanno potuto esistere e costruire ció che oggi abbiamo, è soprattutto grazie al sostegno di ciascuno di voi, amici, che avete avuto fiducia nel nostro progetto.

A fine agosto mi sono incontrata con la signora Petit e la sua commercialista; con mio grande sollievo la signora Petit ha deciso di farsi carico della casa-famiglia. A gennaio del 2019 l’associazione Mosoq Runa chiuderá la sua attivitá e, come da statuto, cederá tutta la sua proprietá all’Associazione Sol y Luna che, a partire dal mese di marzo, assumerá la gestione económica della casa-famiglia. Io mi sono impegnata a continuare a lavorare nella casa-famiglia fino a dicembre del 2019 affiancata dal futuro/a coordinatore. Parlavo di sollievo perché ancora una volta l’Universo mi fa un grande regalo: non potevo pensare a mani migliori in cui lasciare l’hogar! L’hogar continuerá a vivere ed essere di aiuto ad altri bambini affidati a persone competenti e responsabili.

La Nostra Storia

L’Associazione “Mosoq Runa” (in lingua quechua “Nuova Gente”) nacque nell’aprile del 2001 dalla necessità di dare una forma organizzata ed ufficiale al lavoro volontario che le due socie fondatrici iniziarono nell’ottobre del 2000 con un gruppo di bambini e adolescenti appartenenti a due famiglie indigenti che vivono a Ccotohuincho, un quartiere periferico di Urubamba, cittadina situata nella Valle Sacra degli Inca a circa 60 Km. da Cusco, l’antica capitale dell’impero inca.

Per la maggior parte dei bambini sono ben poche le speranze di poter uscire dagli schemi comportamentali che imparano dai genitori e spezzare quindi la catena che li condanna a riprodurli, a meno che non abbiano la possibilità di conoscere e sperimentare un ambiente diverso in cui possano sentirsi al “sicuro” da ogni tipo di abuso, in cui si sentano accettati, rispettati ed ascoltati e dove ricevano gli stimoli necessari a costruire la fiducia in se stessi sviluppando le loro potenzialità e capacità.

Da queste premesse è nato il progetto culturale-educativo di “Mosoq Runa,” nome scelto in lingua Quechua per rispetto alla cultura nativa. "Mosoq Runa" esprime precisamente il nostro intento, "Mosoq" significa nuovo e "Runa" significa uomo (nel senso del genere umano), noi lo traduciamo come Nuova Gente, questo è il nostro progetto, educare i bambini e gli adolescenti al rispetto di se stessi, degli altri e dell'ambiente che ci circonda, perchè essi possano educare a loro volta altri "Mosoq Runa" che possano contribuire alla crescita di questo paese.

Nulla di ciò che “Mosoq Runa” ha potuto realizzare in questi anni sarebbe stato possibile senza l’infaticabile lavoro di sostegno portato avanti dall’Associazione di Volontariato “Urubamba" ONLUS che nacque contemporaneamente a “Mosoq Runa” e ha la sua sede a Torino. In Perù, sono stati soprattutto gli amici, Matteo e Camila, con il lavoro dell’agenzia “PeruEtico” e l’ostello “Piccola Locanda,” a darci un notevole sostegno attraverso il turismo responsabile contribuendo entrambi a creare e poi a tessere una rete sempre più ampia di amici che, con la loro fiducia e la loro generosità ci hanno permesso di svolgere il nostro lavoro.